I QUADERNI di ReS

I Quaderni di Res è una nuova Collana di manuali pratici in formato ebook pubblicata della casa editrice Pianopiano Book Bakery in collaborazione con OPRAS (dell’Organismo Paritetico delle piccole e medie imprese laziali) e la redazione del sito sito web Repertorio Salute,  sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Certo su questi temi non mancano le pubblicazioni, gli opuscoli, diffusi da organi istituzionali come l’Inail, da varie case editrici legate a università o da singoli autori esperti.

Ma dal punto di vista di chi lavora sul campo, ci è sembrato che mancasse uno spazio didattico in grado di andare oltre la manualistica legata alla formazione. Ecco perché abbiamo sentito l’esigenza di realizzare questi manuali brevi, di rapida e facile consultazione, sul ruolo e i compiti ricoperti dai diversi attori della prevenzione nei luoghi di lavoro, pensati per rispondere alle tante domande che chi lavora quotidianamente in questo campo, come l’Organismo Paritetico, le aziende, gli Rspp e gli Rls, si sente rivolgere non una, ma decine di volte.


Una delle motivazioni più forti nel decidere di aprire una casa editrice digitale è stata la convinzione che gli ebook possano rappresentare oggi quello che le edizioni economiche hanno rappresentato negli anni ’70: un modo per fare circolare informazione su temi sociali o di interesse pubblico in modo rapido ed efficiente, a prezzi popolari. “I quaderni di Res”, la nostra nuova collana dedicata al tema della sicurezza sul lavoro, nasce proprio in quest’ottica, grazie alla collaborazione con OPRAS (Organismo Paritetico Regionale Ambiente e Sicurezza) e la redazione del sito sito web Repertorio Salute.

chaplin tempi moderni

Certo su questi temi non mancano le pubblicazioni, ma ascoltando le richieste di chi lavora sul campo, ci è sembrato che mancassero comunque dei materiale in grado di andare oltre la manualistica legata alla formazione. Ecco perché sono nati questi manuali brevi, di rapida e facile consultazione, pensati per aiutare i diversi attori della prevenzione nei luoghi di lavoro a risolvere in modo pratico e concreto i dubbi e le questioni che si trovano ad affrontare tutti i giorni.

“I quaderni di Res” sono brevi, scritti in modo chiaro, rivolti a tutti, con una grafica accattivante che favorisce la leggibilità.

I primi due volumi sono Introduzione alla psicologia del lavoro, di Carla Borromeo e Maria Paola Gazzetta, e Guida Pratica per gli Rls, di Daniele Ranieri.

 

copertina_00 [Recuperato]  copertina_psicologiadellavoro

Seguiranno a breve titoli di approfondimento sui vari aspetti del benessere in azienda, sulle nuove metodologie per la formazione continua, sulla valutazione delle competenze, sullo stress lavoro-correlato e sul mobbing.

Siamo convinti che ci sono bisogni inevasi che attendono una risposta. È infatti ancora ampio lo spazio della ricerca e dell’indagine su un tema così fortemente legato alla realtà produttiva da subirne tutti i cambiamenti, le mutevoli condizioni operative, le spinte ai nuovi modelli gestionali e relazionali.

E quindi partiamo per questa nuova avventura con l’orecchio teso alle risposte, alle critiche, ai suggerimenti e speriamo agli apprezzamenti che ci verranno rivolti. Assetati di voglia di migliorarci.


TITOLI IN PREPARAZIONE:

LA FORMAZIONE IN AZIENDA

di Carla Borromeo e Maria Paola Gazzetti

Obiettivo principale dell’opuscolo dedicato alla formazione, è quello di  rispondere al bisogno di formazione continua espresso dai lavoratori, spesso non  adeguatamente formati dalle Aziende.
Oggi il rischio sempre più concreto della formazione è di fatto quello di non rispondere alla domanda di profili professionali adatti alle esigenze del futuro del mercato del lavoro italiano.
Gli attuali percorsi di istruzione e formazione, infatti, non sembrano rispondere alle esigenze delle persone, né a quelle delle imprese.
In tal senso nell’opuscolo, dopo una breve descrizione teorica sulle fasi del processo formativo, intendiamo trattare il tema formazione secondo un’ottica più moderna finalizzata all’occupabilità dei singoli.

Una prospettiva che consenta alla persona di contare su un bagaglio di competenze con cui accedere al mercato del lavoro e restarvi, adattandosi ai continui e rapidi cambiamenti sulla base di rinnovate conoscenza, abilità, competenze.
Quello che proponiamo è una prospettiva fondata su un dialogo sostanziale tra formazione e lavoro, che riconosca l’importanza anche delle occasioni non-formali e informali dell’apprendimento e validi gli esiti ad esse relative.
In tal senso, altro obiettivo dell’opuscolo è far conoscere il linguaggio delle competenze per poter giocare d’anticipo.

IL BENESSERE IN AZIENDA

di Carla Borromeo e Maria Paola Gazzetti

Come si deve vivere, per vivere bene? Già gli antichi Romani ne discutevano e si organizzavano intorno una serie di piacevoli condizioni di benessere (acquedotti, terme, convivi).
Oggi nei Paesi più avanzati  si promuove in molti modi il benessere personale del corpo e della mente. Imparare a vivere bene è ormai il risultato di una nuova sensibilità per la quale si ricerca uno stile di vita sano e non si trascura l’alimentazione e la salute.
Nel mondo del lavoro alcune aziende si interrogano e promuovono con azioni concrete il benessere organizzativo, per il rispetto che si deve all’uomo, per raggiungere una buona reputazione aziendale e per una forma di risparmio economico complessiva.

Ambiente di lavoro e confort, contenuti del lavoro condivisi, comportamenti corretti, significato e soddisfazione del lavoro, incentivi e riconoscimenti, trasparenza ed equità, relazioni interne aggreganti e buone: sono le condizioni del benessere organizzativo.
La psicologia del lavoro,  che applica i modelli e le teorie della psicologia all’ambiente di lavoro aiuta a favorire il massimo benessere sia per chi lavora, che per l’azienda, cerca di migliorare il clima lavorativo e il vissuto personale, esplorando anche esperienze e strategie innovative.
L’opuscolo si pone l’ obiettivo di far conoscere metodologie e tecniche utilizzate per realizzare il benessere organizzativo e conciliare le esigenze personali con quelle di ruolo e contesto aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *